Sostituire un pasto con il gelato d’estate è una buona idea?

0
263

Una scelta spesso dettata dal caldo (o dalla fretta) che non deve diventare abitudine perché mancano le fibre e produce poco senso di sazietà

Un pasto carente di…
Fa caldo e vogliamo qualcosa di fresco, siamo in spiaggia e non torniamo a casa a pranzo, oppure semplicemente… ci piace: il gelato in estate spesso sostituisce un pasto, ma è una buona idea? Lo abbiamo chiesto a Stefano Erzegovesi, medico nutrizionista e psichiatra, responsabile del Centro per i disturbi alimentari dell’Ospedale San Raffaele di Milano: «Si può certamente fare ma non è una buona idea: perché il gelato è composto da acqua, tanto zucchero, grassi, zero fibre e quel poco di proteine che sono quelle del latte. Dal punto di vista nutrizionale non è un pasto equilibrato e risulta carente anche di calorie».
Per chi non rinuncia a questa opzione?
«Il problema maggiore è quello della sazietà, come per tutti gli alimenti che non hanno volume — osserva l’esperto —. Mangiare un gelato è come bere un latte e panna zuccherato: dopo un paio d’ore si rischia di avere ancora fame. Quindi, per sostituire un pasto intero dobbiamo essere sicuri di consumare almeno 150 grammi di gelato. Considerando che solitamente una pallina pesa dai 50 ai 70 grammi, diciamo tre palline, ma anche così riusciamo a totalizzare solo 300-350 kcal, in pratica è come aver mangiato 60 g di pasta in bianco con un filo di olio, un pranzo davvero povero. Facendo un po’ di conti, 100 g di gelato mediamente contengono tra le 200 e le 320 calorie con qualche differenza (non enorme) tra prodotti artigianali e quelli industriali, che possono contenere più zuccheri e grassi dei primi, meno proteine e più calorie. Parlando di gusti, invece, sappiamo che i gelati alla frutta sono più «leggeri».
Dobbiamo puntare sui gelati artigianali, meglio alla frutta?
«I gelati confezionati o industriali possono essere in diversi casi meno validi dal punto di vista nutrizionale. L’artigianale, anche per composizione, dà poi una sensazione di maggiore sazietà. Il gelato alla frutta è di fatto un succo di frutta zuccherato: certamente ha meno calorie, però sazia anche molto poco».

Leggi l’articolo completo su corriere.it