Controllo delle Temperature nel Sistema HACCP

0
264

Qualche tempo fa alcuni Professionisti operanti nel settore della sicurezza alimentare mi avevano contattato per domandarmi quali fossero le disposizioni di riferimento in merito al controllo delle Temperature dei frigoriferi e dei freezer nell’ambito delle attività agro-alimentri (ristoranti, alberghi, pizzerie, mense, macellerie, pescherie, ecc.).

RISPOSTA

Secondo quanto indicato nel Regolamento (CE) n. 852/2004 le imprese alimentari al fine del mantenimento della catena del freddo devono possedere delle strutture per il magazzinaggio (celle frigo e/o freezer) dei prodotti alimentari deperibili le quali devono essere “progettate in modo che la temperatura possa essere controllata e, ove opportuno, registrata”. Con questa frase si vuole precisare che le strutture devono essere dotate di un dispositivo (display) della temperatura visionabile dall’esterno e non attraverso un termometro portatile (controllo manuale).

Eccetto qualche singolarità quale il trasporto degli alimenti surgelati e lo stoccaggio di questi nei locali di deposito e nei punti vendita (Regolamento (CE) 37/2005) non esistono specifiche imposizioni inerenti le modalità di riscontro delle temperature.

Precisato quanto sopra esposto appare evidente che il monitoraggio delle temperature inerenti il controllo della catena del freddo all’interno dei locali di deposito e/o di esposizione delle imprese alimentari deve essere attuato da un addetto (adeguatamente istruito in merito) a periodi regolari (come indicato nel Piano H.A.C.C.P. dell’impresa). Questi periodi (generalmente 1-2 volte al giorno) dipendono dallo studio dei pericoli (soprattutto di natura microbiologica) e dall’attenta valutazione dei rischi che il consulente/OSA/dipendente ha preliminarmente effettuato.

Ovviamente questi controlli vanno costantemente registrati su apposite schede (le quali, salvo diverse disposizioni, si consiglia di conservarle per almeno 2-3 anni) e vanno previste le eventuali “azioni correttive” qualora le temperature monitorate non dovessero rispettare le disposizioni di legge (es. nel caso di de-surgelazione dei prodotti alimentari per interruzione della corrente elettrica o per guasto delle apparecchiature).

Si consiglia di elaborare e di implementare anche uno specifico Piano di Manutenzione e Taratura di tutte le attrezzature ed apparecchiature adoperate nell’impresa alimentare compresi i sistemi di rilevazione delle temperature delle celle frigorifere e freezer. In questo Piano vi deve essere indicato per ogni attrezzatura almeno ogni quanto va effettuata la manutenzione e la taratura e a quale azienda specializzata va affidato tale incarico. Ovviamente i risultati di tali operazioni vanno conservati come le altre registrazioni.

© Produzione riservata

—————

——-

Dr. Luciano O. Atzori

Biologo – Esperto in Sicurezza degli Alimenti e in Tutela della Salute

Divulgatore Scientifico – Consulente aziendale

Co-founder di ISQAlimenti.it

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here