Platano

0
513

di Luciano O. Atzori

A prima vista sembra una grande banana color verde dalla buccia spessa, ma in realtà si tratta del frutto tropicale Platano che già da qualche anno sta spopolando in Italia.

Questo frutto appartiene alla stessa famiglia delle banane (palme Musa), condivide con queste le stesse aree geografiche (Sud America, Caraibi e Africa), ma contiene meno zuccheri e più amido  di conseguenza si presta a sostituire i tuberi e i cereali e non a caso è anche conosciuto come il “pane-pasta dei Caraibi”.

Praticamente è un frutto disponibile tutti i mesi dell’anno e si presta tantissimo per la preparazione delle pietanze esotiche. Rispetto alle banane, il platano appare di maggiori dimensioni e con la buccia più spessa e coriacea. Come le banane, anche il platano, che continua la maturazione dopo essere stato tagliato dalla pianta (frutto climaterico).

Il platano è un frutto polivalente perché quando è acerbo, quindi verde, può essere consumato come ortaggio (cioè sbucciato, tagliato a fette e cotto al forno, fritto, grigliato o lessato) come si fa con le patate. Quando matura, e diventa color giallo o completamente scuro-bruno, diviene più dolciastro quindi si può utilizzare per preparare dolci. Il sapore si modifica durante la maturazione: quando è verde (cioè acerbo) ha un gusto tendente all’aspro che vira al dolciastro man mano che matura e diventa giallo o bruno.

In alcuni Paesi dai platani si ricavano delle piacevoli bevande come il “Chapo” del Perù ottenuto facendo bollire i platani in acqua e successivamente addizionandoci dello zucchero e specifiche spezie.

Il platano (o “banana verde” oppure “banana da cottura”) è un frutto ricco di carboidrati e di fibra (che aiuta la regolarità intestinale), di minerali (potassio, ferro e magnesio), non contiene colesterolo e il suo apporto di grassi è bassissimo. Non contenendo glutine e neanche lattosio può essere consumato anche dalle persone che sono intolleranti a queste sostanze e ovviamente per i celiaci, è un’ottima alternativa ai cereali (pane e pasta).

Dal platano si può ricavare anche una particolare farina, di non facile reperimento in Italia, utilizzabile per la produzione di prodotti da forno (pane, pizza, ecc.).

In Italia il platano si trova nei negozi di alimenti etnici e in qualche GDO (Grande Distribuzione Organizzata) che vende prodotti esotici, oppure si trova facilmente online. In genere costa circa € 3,00-4,00 al Kg.

© Produzione riservata

——-

Dr. Luciano O. Atzori
Biologo – Esperto in Sicurezza degli Alimenti e in Tutela della Salute
Divulgatore Scientifico – Consulente agroalimentare
Co-founder  ISQAlimenti.it