La Primavera è arrivata anche se siamo costretti a casa: i consigli per affrontarla al meglio

0
283

Anche se molto diversa da quella a cui siamo solitamente abituati, la primavera è arrivata anche quest’anno, ed il nostro organismo, in misura diversa da individuo a individuo, ne risente. A maggior ragione in questo momento quarantena e di sedentarietà forzata, seguire delle buone abitudini è quanto mai fondamentale, soprattutto dal punto di vista nutrizionale. Per rimanere in forma e riprendere al meglio la nostra quotidianità, quando ce ne sarà la possibilità, arrivano i consigli della dietista Ambra Morelli dell’Associazione Nazionale Dietisti (ANDID).

“Adattarsi ai cambiamenti non è semplice ma possiamo mettere alla prova la nostra resilienza, superando nel migliore dei modi questi momenti e scoprendo alternative a cui non avevamo ancora pensato. guardiamoci attorno e osserviamo gli spazi che abbiamo: è primavera, forse abbiamo un terrazzo o semplicemente un balcone oppure un qualsiasi posticino vicino ad una finestra. Possiamo creare una ‘zona personale’ dove consumare un pasto (per esempio la prima colazione o uno spuntino o un brunch) che ci consentirà anche di esporci alla luce solare e attivare la preziosa Vitamina D”, suggerisce l’esperta.

Per rendere i pasti sani e sfiziosi il consiglio è di scegliere “ravanelli, carote, finocchi per un aperitivo o per aromatizzare l’acqua, preziosa come sempre, e così stimolare a bere spesso; anche succo di limone e arance ad esempio per condire delle insalate di finocchi o spinaci freschi e mandorle per completarle. Anche un’insalata di lattuga, mele, olive, sedano oltre a spinaci, succo di limone, succo di arance, un po’ di olio EVO oltre alle mandorle può essere una ottima alternativa”.

Anche se si è a casa è importante scandire la giornata con cinque pasti consigliati per mantenere sempre alto il livello di concentrazione e di energia da dividere, magari, tra lavoro, figli e casa. Per gli spuntini, Morelli consiglia le mandorle che “sono uno snack intelligente per ricaricare le nostre giornate: ricche di magnesio, Vitamina E, grassi buoni forniscono anche, come confermato da una recente ricerca dell’Università di Leeds (pubblicata su Nutrients ndr.), un’elevata sazietà che si prolunga nel tempo accompagnandoci al pasto successivo. Le mandorle si conservano inoltre a lungo, un ulteriore vantaggio per averne a portata di mano quando necessario”.

Leggi l’articolo completo su  nutrieprevieni.it